Compila il Form e sarai ricontattato
Dr. Claudio Tomella

Il metodo più evoluto per equilibrare il metabolismo a 360° e raggiungere il benessere e il successful aging

BioEquilibrio Ormonale®

BioEquilibrio Ormonale®

Dai miei 30 anni di lavoro come medico clinico e studioso di medicina nasce il metodo del BioEquilibrio Ormonale®.

Questo esclusivo metodo mette al centro la persona e il suo equilibrio ormonale e sfrutta tutte le possibilità che la scienza e la medicina, convenzionale e non convenzionale, offrono.

Come può essere ottenuto l’equilibrio ormonale a 360 gradi?

Agendo, a seconda delle esigenze individuali, su fondamentali topics in grado di governare la salute e l’invecchiamento:

  1. La nutrizione funzionale
  2. I nutrienti e fito nutrienti ad azione ormonale
  3. La detossificazione del fegato
  4. La tiroide
  5. I surreni
  6. Gli Ormoni Bioidentici
  7. Lo Stile di Vita: attività fisica, controllo dello stress, sonno, sessualità, etc.

Questo metodo consente di APPLICARE la medicina Anti-Aging al top e vivere una vita serena, con energia e prevenendo o allontanando le malattie avendo come ambizioso goal l’ invecchiamento di successo o successful aging.

Da che cosa si distingue dagli altri metodi?

Il Bioequilibrio Ormonale® è l’unico metodo in cui si tiene conto di TUTTI questi fattori contemporaneamente e si agisce, in fase di diagnosi e cura, con gli strumenti e le cure più innovative che derivano dalle frontiere più avanzate della medicina nonché da una esperienza sul campo in tutti questi settori, che altri non possono vantare.

Per equilibrare il sistema ormonale non basta la sola nutrizione, possono servire fito-terapici o ormoni bioidentici:

  • affinché agiscano gli ormoni bioidentici devono esserci i micronutrienti, i sistemi enzimatici e di detossificazione che funzionano;
  • affinché giunga energia alle cellule e ai mitocondri, i surreni e la tiroide deve funzionare ottimamente;
  • per mantenere gli ormoni e gli assi ormonali in equilibrio bisogna lavorare sullo stress, sull’attività fisica e la sessualità.

Con il metodo di BioEquilibrio Ormonale® è possibile agire su tutti questi fattori dopo aver individuato le aree di vulnerabilità individuali e le priorità. Posso dire di aver maturato negli anni una conoscenza e un’esperienza accurata su tutti questi fattori che mi permette di tracciare la strada da percorrere.

 

Gli step del metodo di BioEquilibrio Ormonale® sono:

  1. Scopri: fai una diagnosi accurata per scoprire cosa vi è alla base del problema
  2. Rimuovi:rimuovi le cause del problema
  3. Nutri: nutri al meglio l’ organismo e indirizzalo verso la guarigione
  4. Bilancia: bilancia tutti gli ormoni e i sistemi organici
  5. Mantieni: controlla e mantieni nel tempo i risultati ottenuti

Applicando questi 5 passi del BioEquilibrio Ormonale® è possibile capire la causa che sta alla base del problema, risolverlo con un approccio a 360 gradi e mantenere nel tempo i risultati.

Sono fermamente convinto che un approccio alla persona e alla malattia a 360 gradi sia l’unico modo per mantenere nel tempo la salute e approcciarsi alle malattie.

Il metodo del BioEquilibrio Ormonale® fa tutto questo utilizzando le metodologie diagnostiche e terapeutiche più innovative in modo estremamente personalizzato e costruito intorno alla persona.

È passato il momento della pillola che va bene per tutti!!! È arrivato il momento della Medicina di Precisione e della medicina realmente personalizzata.

Per fare questo nel metodo Bioequilibrio Ormonale® :

  1. Vengono prescritti esami ultra-specialistici e del DNA: in questo modo ti verrà una fotografia dello stato di salute e sarà possibile evidenziare le tue aree di vulnerabilità.
  2. Viene prescritta una terapia sulla base dell’esito degli esami e di come stai che è unicamente per te. Ogni integratore può avere il contenuto di vitamine, fitoterapici etc. che va bene in modo specifico per te e non per tutti.

Cosa prescrivo

Utilizzo molto le preparazioni galeniche. Sai che cosa sono? Le preparazioni galeniche sono preparazioni che vengono allestite dal farmacista in laboratorio sulla base della prescrizione del medico.

Queste sono le uniche vere formulazioni personalizzate e fatte su misura per il paziente, per quando riguarda la scelta dei componenti, il loro dosaggio, la via di somministrazione e la modalità di preparazione.

È fondamentale che la farmacia che allestisce gli preparazioni galeniche:

  1. sia specializzata in questo tipo di preparazioni,
  2. sia in possesso di tutte le certificazioni necessarie,
  3. abbia un costante feedback col medico prescrittore,
  4. sia in grado di attingere le materie prime  più sicure e di migliore qualità possibile.

Tutto questo vale ancora di più per quanto riguarda le prescrizioni di Ormoni Bioidentici e Tiroide Secca. È difficile che io prescriva i farmaci o gli integratori che sono bene in vista sulle mensole della farmacia qualsiasi oppure che compaiano per primi su google. Quelli che prescrivo sono tutti prodotti esclusivi, scelti dopo una lunga selezione e utilizzati su migliaia di pazienti prima che su di te.
Del resto se ti bastasse una prescrizione qualsiasi non ti interesserebbe la medicina anti-aging e di precisione.

 

Il metodo del BioEquilibrio Ormonale® è basato sul FARE, sul lavoro quotidiano coi pazienti, non solo sul parlare o sullo scrivere…

Per questo sono molto orgoglioso per il riconoscimento che ho ottenuto al Congresso Europeo di Medicina Anti-Aging di Montecarlo per il Miglior CASO CLINICO, unico italiano ad ottenere questo importante risultato.

La donna e l’equilibrio ormonale

Nel mio studio ogni giorno incontro donne che vengono perché non accettano di non riconoscersi più e hanno la sensazione che non esista una via d’uscita a questo loro stato. Dal momento che le donne stanno diventando sempre più consapevoli e informate sulla loro salute, non accettano più il fatto che non vi sia nulla da fare per la menopausa, l’invecchiamento, la tiroide e le malattie degenerative.

Molte di loro accusano i tipici sintomi della menopausa. Altre cercano una soluzione diversa dalla terapia ormonale sostitutiva tradizionale (TOS) a causa degli gli effetti collaterali che ha provocato loro.

Altre sviluppano sintomi più generali come depressione, disturbi dell’umore, perdita della libido, secchezza, aumento di peso, etc. Altre ancora si rivolgono a me in ottica anti-aging per avere informazioni precise sulle possibili terapie per affrontare i cambiamenti la menopausa, l’ipotiroidismo e l’invecchiamento.

È un dato di fatto che la maggior parte dei medici si limitano a prescrivere farmaci sintomatici. Sono pochi i Dottori in grado di ascoltare e di collegare i sintomi del paziente per ottenere un quadro a 360 gradi del loro squilibrio ormonale e per elaborare un percorso terapeutico di precisione sulla persona.

Il metodo del BioEquilibrio Ormonale® fa proprio questo: mette insieme tutti questi aspetti.

Perché gli ormoni e l’equilibrio ormonale sono così importanti?

Gli ormoni regolano il metabolismo.
Una salute ottimale richiede un metabolismo bilanciato. Allo stesso modo la maggior parte delle malattie, e in particolare le malattie croniche, derivano da un’alterazione degli ormoni o dei loro rapporti.

Il metabolismo deriva dal greco μεταβολή = “cambiamento”, ed è l’“insieme delle trasformazioni chimiche che si verificano all’interno delle cellule degli organismi viventi”.

Il metabolismo a sua volta può essere suddiviso in anabolismo e catabolismo.

L’anabolismo è costituito dalle reazioni biochimiche e i processi di sintesi e formazione di molecole complesse da molecole più semplici e dai nutrienti e richiede energia.
Il catabolismo in pratica è l’opposto, ovvero è inteso come l’insieme dei processi metabolici che portano alla formazione di molecole e sostanze nutritive più piccole da molecole più complesse, con liberazione dell’energia in eccesso.

A questo punto è chiaro come la nutrizione e la scienza dell’alimentazione siano alla base e possano condizionare il metabolismo.

Quello che non tutti sanno è che le reazioni metaboliche sono regolate da ormoni.

Esempi di ormoni anabolici sono: l’insulina, il GH, l’estradiolo, il testosterone, il DHEA.
Esempi di ormoni catabolici sono: il cortisolo, l’adrenalina, la noradrenalina, il glucagone e il progesterone.

Ho imparato molto dal confronto con il Prof. Giorgio Valenti, a lungo Direttore del Dipartimento di Scienze dell’Invecchiamento dell’Università di Parma, ma soprattutto una bellissima persona.

Il Prof. Valenti coniò il concetto di sincrinologia per definire quella branca dell’endocrinologia che studia il rapporto con ormoni ad azione antagonista che agiscono sugli stessi tessuti target. Fra le sincrinologie più studiate vi è proprio quella fra ormoni anabolici e ormoni catabolici. A questo proposito il Prof. Valenti e i suoi allievi pubblicarono, nell’ambito del celeberrimo studio “inChianti”, pagine fondamentali per tutto il mondo scientifico.

Organo adiposo ed ormoni

Ormoni vengono secreti anche dall’organo adiposo, da quello che veniva chiamato grasso. Si pensava che il grasso avesse funzioni solo di immagazzinamento di energia o di scarto. Grazie al contributo fondamentale del mio Professore Valerio Cinti il “grasso” ha acquisito la definizione più corretta definizione di ORGANO adiposo: dal tessuto adiposo bianco e bruno vengono liberate in circolo adipocitochine che svolgono azione a distanza. Tradotto: dal grasso vengono liberati ormoni che dialogano fra di loro, con gli altri ormoni per regolare il bilancio energetico, il metabolismo, la sensazione di fame e sazietà.

Per questo il metodo del BioEquilibrio Ormonale® è la chiave anche per agire sulla regolazione del peso e le forme corporee.

Come sono giunto a capire che gli ormoni sono così importanti ?

Attraverso lo studio della Medicina Anti-Aging. Una delle teorie con basi più solide in grado di spiegare l’invecchiamento viene chiamata “teoria dell’endocrino senescenza”: con l’invecchiamento si assiste ad un progressivo calo dell’efficienza delle ghiandole endocrine nel produrre ormoni con una modificazione ed alterazione dei rapporti fra i vari ormoni.

Questo condiziona fortemente l’invecchiamento e le malattie croniche ad esso correlate.

Il segreto della medicina anti aging di avanguardia è quello di bilanciare tutti gli ormoni.

Guardare una singola carenza ormonale, come fa quasi sempre l’endocrinologo classico non porta a nulla se non a insuccessi. Nel migliore dei casi è un approccio riduttivo, che agisce solo sui sintomi senza pensare all’equilibrio generale che agisce invece anche sulla prevenzione.

Quindi un concetto moderno di endocrino senescenza prevede il passaggio dal modello incentrato sulla singola carenza a quello che prevede la disregolazione ormonale multipla come il trigger per un invecchiamento non favorevole.

Si può agire allora in modi diversi a seconda del caso: con il metodo del BioEquilibrio Ormonale® è possibile ottenere e mantenere l’equilibrio ormonale con tutti gli strumenti possibili: nutrizione, attività fisica, fitocomplessi, ormoni bioidentici, integrazioni nutrizionali od omeopatiche/omotossicologiche, etc.

Non ci sono altri professionisti oltre a me che hanno insieme tutte queste competenze.

 

Tutto quello che sai sugli ormoni è sbagliato

Quelli che la medicina, l’endocrinologia e la ginecologia tradizionale definiscono “ormoni”, ormoni non sono. Sono semplicemente dei FARMACI ad azione ormonale. Non è un problema semantico e di parole ma di sostanza… Seguimi…

Quelli che vengono definiti ormoni artificiali, convenzionali e quelli che rientrano nella TOS (Terapia Ormonale Sostitutiva) o HRT (Hormone Replacement Therapy) della donna in menopausa:

  1. non si trovano in natura,
  2. non hanno la stessa formula chimica degli ormoni che la ghiandole del nostro corpo producono,
  3. hanno lo stesso dosaggio per tutti (di solito sono sovra-fisiologico)

Nessuno può contestare queste considerazioni.

Possono essere brevettati, e quindi prodotti e venduti dalle aziende farmaceutiche e dalle multinazionali del farmaco solo perché hanno una formula chimica “diversa” da quella degli ormoni naturali, che per definizione non possono essere brevettati, essendo naturali.

Uno dei più grossi errori della medicina è considerare i farmaci ad azione ormonale come se fossero ormoni.

Il famoso studio americano WHI (Womens’s Health Initiative) del 2002, che ha demolito la terapia sostitutiva tradizionale (TOS), avendo evidenziato più rischi che benefici per la donna in menopausa, non ha fatto questa basilare distinzione.
Nello studio WHI sono stati somministrati in modo continuativo:

  • Premarin, ovvero estrogeni coniugati equini
  • Medrossi progesterone, ovvero un farmaco progestinico di sintesi (non il progesterone)

È bizzarro il fatto che “estrogeni coniugati equini” da qualcuno vengono definiti naturali, anche se dietro questa misteriosa definizione vi è un qualcosa di molto semplice. Gli estrogeni coniugati equini sono estrogeni che derivano dalle urine di cavalla. Quindi sono naturali sì, ma per le cavalle!

Sulla base di questo studio, e di altri simili, arrivarono alla conclusione che la terapia ormonale non fosse indicata nella donna in menopausa, perché i rischi supererebbero i benefici.

Tuttavia è necessario sottolineare:

  1. La stessa comunità scientifica che aveva indicato una terapia simil ormonale, sulla base del fatto che precedenti studi avevano evidenziato un netto aumento del rischio di malattie cardiovascolari e cronico degenerative nella donna in menopausa, ha concluso che non era più consigliata una terapia.
    In altri termini si è contraddetta.In altri termini lo studio WHI ha sottolineato un problema, ma non ha suggerito la sua soluzione.
    Negli anni ’90 la TOS veniva prescritta a tutte le donne in menopausa. Dopo il 2002 a nessuna donna in menopausa, tranne eventualmente come sintomatico per un periodo di tempo ridotto nelle donne che presentavano “sintomi” rilevanti. E il rischio di sviluppare le malattie croniche nelle donne in menopausa è sparito?
  2. Nello studio WHI non sono stati utilizzati ormoni bioidentici, ma solo farmaci ad azione ormonale.
  3. Il fatto che nello studio WHI si sia evidenziato un aumento del rischio di sviluppare malattie cardiovascolare e certi tipi di tumore con due farmaci ormonali specifici, Premarin e Medrossi-progesterone, in una popolazione specifica (per quanto riguarda la selezione del campione indagato). non significa che genericamente gli ormoni facciano venire i tumori a tutti… Gli ormoni bioidentici e i farmaci ad azione ormonale sono diversi e pertanto non è automatico che abbiano gli stessi effetti collaterali.

Tuttavia lo studio WHI ha di fatto validato il concetto, che tutte le terapie ormonali sono rischiose. Oggi, è inutile negarlo, nel vissuto di tutti vi è la convinzione che gli ormoni facciano male e aumentino il rischio di sviluppare tumori. Questa è una generalizzazione che di per sé non ha una base scientifica. Parte da basi fasulle, non valuta il tipo di terapia nel dettaglio, né la vulnerabilità della donna che si sottopone alla terapia.

L’utilizzo della terapia con Ormoni Bioidentici ha una lunga storia ed è tanto efficace quanto sicura. Gli Ormoni Bioidentici sono la cura più moderna ed efficace per la donna in menopausa.

Gli studi e la fisiologia umana evidenziano come è fondamentale ottenere e mantenere l’equilibrio ormonale. È questo il caposaldo della medicina Anti-Aging e del mio metodo del BioEquilibrio Ormonale®.

Sono fermamente convinto che un approccio alla persona e alla malattia a 360 gradi sia l’unico modo per mantenere nel tempo la salute e approcciarsi alle malattie.
Articoli

Articoli del mio Blog

Sfoglia tutti gli articoli
NUTRIZIONE - 07.08.2019

Dieta da spiaggia

Il momento in cui si arriva in spiaggia è uno dei più attesi dell’anno. Ecco alcuni suggerimenti per passare momenti belli, indimenticabili, e senza stress… ma anche pensando a stare bene e in salute.
Leggi l'articolo
Dieta da spiaggia
Le vampate di calore della menopausa peggiorano in estate?
PrevNext